PompeiiinPictures

V.3 Pompeii. Thermopolium with painting of nereid and amphorae.

Found at crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

Excavated 2019, 2020.

V.3 Pompei. Termopolio con dipinto di nereide e anfore.
Trovato all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Scavato 2019, 2020.

 

Bibliography

 

We have constructed this page from press material and photos produced by the Parco Archeologico di Pompei.

Our grateful thanks to the Parco Archeologico di Pompei for giving us permission to use their press releases and photos.

 

See PAP 2020: The ancient snack bar of Regio V resurfaces in its entirety with scenes of still-life, food residues, animal bones and victims of the eruption

 

See PAP 2019: The-thermopolium-of-regio-v

 

Bibliografia

 

Abbiamo costruito questa pagina da materiale stampa e foto prodotte dal Parco Archeologico di Pompei.

Ringraziamo il Parco Archeologico di Pompei per averci dato il permesso di utilizzare i loro comunicati stampa e le loro foto.

 

Vedi PAP 2020: Riaffiora per intero l'antica tavola calda della Regio V

 

Vedi PAP 2019: Gli-scavi-della-Regio-V

 

 

December 2020

 

The Thermopolium of Regio V, one of the snack bars at Pompeii, complete with an image of a Nereid riding a sea-horse, which had previously been partially excavated in 2019, re-emerges in its entirety, with other rich decorative still lifes, food residues, animal bones and victims of the eruption.

 

The commercial structure had only been partially studied in 2019, during the interventions of the Grande Progetto Pompei aimed at stabilising and consolidating the historic excavation fronts.

 

Considering the exceptional nature of the decorations, and in order to restore the complete layout of the restaurant, which is located in the clearing between Vicolo delle Nozze d'Argento and Vicolo dei Balconi, it was decided to broaden the project and complete the excavation of the entire area.

 

In the small square in front of the Thermopolium, works had already revealed a cistern, a fountain and a water tower, which were all located a short distance from the shop which features the famed fresco of gladiators in combat.

 

The decorations on the counter - which were the first to emerge during the excavation – comprise the image of a Nereid riding a sea-horse in a marine setting on the front, while the shorter side features an illustration which is probably of the shop itself, like a kind of trademark. It was not by chance that the discovery during the excavation of amphorae, located in front of the counter, reflected the painted image.

 

In this new phase of excavation, the last section of the counter to be unearthed revealed other exquisite scenes of still life, with depictions of animals which were likely butchered and sold here. Bone fragments belonging to the same animals were also discovered inside containers embedded in the counter, which held foodstuffs intended for sale, such as in the case of the two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten; a rooster; and a dog on a lead, the latter serving almost as a warning in the manner of the famed Cave Canem.

 

A mocking inscription can be found scratched onto the frame which surrounds the painting of the dog: NICIA CINAEDE CACATOR- literally "Nicias (probably a freedman from Greece) Shameless Shitter!" This was probably left by a prankster who sought to poke fun at the owner, or by someone who worked in the Thermopolium.

 

"As well as being another insight into daily life at Pompeii, the possibilities for study of this Thermopolium are exceptional, because for the first time an area of this type has been excavated in its entirety, and it has been possible to carry out all the analyses that today's technology permits," - declares Massimo Osanna, Interim Director General of the Archaeological Park of Pompeii - "the materials which have been discovered have indeed been excavated and studied from all points of view by an interdisciplinary team composed of professionals in the fields of physical anthropology, archaeology, archaeobotany, archaeozoology, geology and vulcanology. The finds will be further analysed in the laboratory, and in particular those remains found in the dolia (terracotta containers) of the counter are expected to yield exceptional data for informing an understanding of what was sold and what the diet was like':

 

Another observation of note is the discovery of human bones, albeit found sadly dispersed as a result of the tunnels which were dug in the 17th century by illegal excavators, who were searching for precious objects.

 

Several belong to an individual of at least fifty years of age, who at the moment when the pyroclastic current arrived, was most likely on some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

 

Other bones, which are yet to be investigated, belong to another individual, and were found inside a large dolium, possibly where they were placed by the first excavators.

 

Furthermore, in the Thermopolium, various pantry and transport materials were discovered, including: nine amphorae, a bronze patera, two flasks and a common ceramic table olla. The flooring of the entire room consisted of a layer of cocciopesto (a waterproof covering made of terracotta fragments), into which fragments of polychrome marble (alabaster, portasanta, green breccia and bardiglio) were inserted in several areas.

 

The Thermopolia, where drinks and hot foods were served, (as indicated by the name of Greek origin), and stored in large dolia (jars) embedded in the masonry counter, were widespread in the Roman world, where it was typical to consume the prandium (the meal) outside the house. In Pompeii alone there are eighty of them.

 

THE INITIAL LABORATORY ANALYSIS (Valeria Amoretti - Anthropologist)

 

The first analyses confirm that the paintings on the counter depict, at least in part, the foodstuffs and drinks which were actually sold inside the Thermopolium. The paintings on the counter include two mallard ducks, and indeed a fragment of duck bone was in fact found inside one of the containers, alongside swine, goats, fish and land snails, indicating the great variety of products of animal origin used in the preparation of the dishes.

 

On the other hand, the first archaeobotanical analyses have allowed us to identify fragments of deciduous oak, which probably belonged to structural elements of the counter. At the bottom of a dolium - which has been identified as a container for wine on the basis of the bottle for drawing the liquid that was found inside it - the presence of beans was detected, which had been intentionally broken apart or ground. In his De re Coquinaria (1,5), Apicius explains the reason for this, asserting that they were used in order to modify the taste and colour of the wine, bleaching it.

 

The complete skeleton of a dog was found in the corner between the two doors of the Thermopolium (in the north-western corner of the room). It was not a large and muscular dog like the one depicted on the counter, but an extremely small specimen, about 20-25cm high at the shoulder despite being an adult dog. Although quite rare, dogs of such small size indicate that intentional selection took place in the Roman age in order to obtain such a result.

 

Inside the room - and particularly behind the counter where they were dragged by the first excavators - a significant number of human bones were found, belonging to a mature-senescent individual, of at least 50 years of age. An initial analysis made it possible to link these dispersed bones with what remained of an individual who was discovered in the innermost corner of the shop, and who, at the time the pyroclastic current arrived, was most likely on top of some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

 

The bones belonging to at least one other individual, which were discovered inside a large dolium, and were probably positioned in this way by the first excavators, are still to be investigated.

 

This is merely the initial macroscopic data yielded by the ongoing excavation, but it will surely not be the last. Indeed, the finds collected and brought to the laboratory will be analysed further, through specific studies in departments and universities with whom we have an agreement, which will allow us to further refine the data at our disposal, and therefore also our knowledge of the Thermopolium and the site.

 

 

 

Dicembre 2020

 

Il termopolio della Regio V, una delle tavole calde di Pompei, con l'immagine della Nereide a cavallo, già parzialmente scavato nel 2019, riaffiora per intero con altre ricche decorazioni di nature morte, rinvenimenti di resti alimentari, ossa di animali e di vittime dell'eruzione.

 

L'impianto commerciale era stato indagato solo in parte nel 2019, durante gli interventi del Grande Progetto Pompei per la messa in sicurezza e consolidamento dei fronti di scavo storici.

 

Considerate l'eccezionalità delle decorazioni e al fine restituire la completa configurazione del locale, ubicato nello slargo all'incrocio tra il vicolo delle Nozze d'argento e il vicolo dei Balconi, si è deciso estendere il progetto e di portare a termine lo scavo dell'intero ambiente.

 

Di fronte al termopolio, nella piazzetta antistante, erano già emerse una cisterna, una fontana, e una torre piezometrica (perla distribuzione dell'acqua), dislocate a poca distanza dalla bottega già nota per l'affresco dei gladiatori in combattimento.

 

Le decorazioni del bancone - le prime emerse dallo scavo - presentano sul fronte, l'immagine di una Nereide a cavallo in ambiente marino, e sul lato più corto l'illustrazione, probabilmente della bottega stessa alla stregua di un'insegna commerciale. Il ritrovamento, al momento dello scavo, di anfore poste davanti al bancone rifletteva non a caso l'immagine dipinta.

 

In questa nuova fase di scavo, sull'ultimo braccio di bancone portato alla luce sono emerse altre pregevoli scene di nature morte, con rappresentazioni di animali, probabilmente macellati e venduti nel locale. Frammenti ossei, pertinenti gli stessi animali, sono stati inoltre rinvenuti all'interno di recipienti ricavati nello spessore del bancone contenenti cibi destinati alla vendita. Come le due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, un gallo e un cane al guinzaglio, quasi un monito alla maniera del famoso Cave Canem

 

Una sbeffeggiante iscrizione graffitagraffta "Nicia cineadecacator" si si legge sulla cornice che racchiude il dipinto del cane: Nicia (probabilmente un liberto proveniente dalla Grecia) Cacatore, invertito! Probabilmente lasciata da un buontempone che aveva voluto prendere in giro il proprietario o da qualcuno che lavorava nel termopolio.

 

"Con un lavoro di squadra, che ha richiesto norme legislative e qualità delle persone, oggi Pompei è indicata nel mondo come un esempio di tutela e gestione, tornando a essere uno dei luoghi più visitati in Italia in cui si fa ricerca, si continua a scavare e si fanno scoperte straordinarie come questa". Così il Ministro per i beni e per le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha commentato le nuove scoperte della Regio V negli scavi di Pompei.

 

"Oltre a trattarsi di una ulteriore testimonianza della vita quotidiana a Pompei, le possibilità di analisi di questo termopolio sono eccezionali, perché per la prima volta si è scavato un simile ambiente per intero ed è stato possibile condurre tutte le analisi che le tecnologie odierne consentono. – dichiara Massimo Osanna, Direttore Generale ad interim del Parco archeologico di Pompei -I materiali rinvenuti sono stati, infatti, scavati e studiati sotto ogni aspetto da un team interdisciplinare composto da: antropologo fisico, archeologo, archeobotanico, archeozoologo, geologo, vulcanologo. I materiali saranno ulteriormente analizzati in laboratorio e in particolari i resti rinvenuti nei dolia (contenitori in terracotta) del bancone, rappresenteranno dei dati eccezionali per capire cosa veniva venduto e quale era la dieta alimentare".

 

Altro dato interessante è il rinvenimento di ossa umane, ritrovate, purtroppo, sconvolte a causa del passaggio di cunicoli realizzati nel XVII secolo da scavatori clandestini in cerca di oggetti preziosi.

 

Alcune sono pertinenti ad un individuo di almeno 50 anni, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato su un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

 

Altre ossa, ancora da indagare sono di un altro individuo, e sono state rinvenute all'interno di un grande dolio, forse qui riposte sempre dai primi scavatori.

 

Inoltre nel termopolio è stato rinvenuto diverso materiale da dispensa e da trasporto: nove anfore, una patera di bronzo, due fiasche, un'olla di ceramica comune da mensa. Il piano pavimentale di tutto l'ambiente è costituito da uno strato di cocciopesto (rivestimento impermeabile composto da frammenti in terracotta), in cui in alcuni punti sono stati inseriti frammenti di marmi policromi (alabastro, portasanta, breccia verde e bardiglio).

 

I termopoli, dove si servivano bevande e cibi caldi, come indica il nome di origine greca, conservati in grandi dolia (giare) incassati nel bancone in muratura, erano molto diffusi nel mondo romano, dove era abitudine consumare il prandium (il pasto) fuori casa. Nella sola Pompei se ne contano una ottantina.

 

LE PRIME ANALISI DI LABORATORIO (Valeria Amoretti - Antropologa)

 

Le prime analisi confermano come le pitture sul bancone rappresentino, almeno in parte, i cibi e le bevande effettivamente venduti all'interno del termopolio: tra i dipinti del bancone sono raffigurate due anatre germane, e in effetti un frammento osseo di anatra è stato rinvenuto all'interno di uno dei contenitori, insieme a suino, caprovini, pesce e lumache di terra, testimoniando la grande varietà di prodotti di origine animale utilizzati per la preparazione delle pietanze.

 

D'altro canto, le prime analisi archeobotaniche hanno permesso di individuare frammenti di quercia caducifoglie, probabilmente pertinente a elementi strutturali del bancone. Sul fondo di un dolio - identificato come contenitore da vino sulla base della bottiglia per attingere rinvenuta al suo interno - è stata individuata la presenza di fave, intenzionalmente frammentate/macinate. Apicio nel De re Coquinaria (1,5) ce ne fornisce il motivo, asserendo che venivano usate per modificare il gusto e il colore del vino, sbiancandolo.

 

Nell'angolo tra le due porte (angolo nord occidentale della stanza) del termopolio è stato rinvenuto uno scheletro completo di cane. Non si tratta di un grande cane muscoloso come quello dipinto sul bancone ma di un esemplare estremamente piccolo, alto 20-25 cm alla spalla, pur essendo un cane adulto. Cani di queste piccolissime dimensioni, sebbene piuttosto rari, attestano selezioni intenzionali avvenute in epoca romana per ottenere questo risultato.

 

Erano presenti inoltre, all'interno della stanza - e in particolare dietro al bancone dove sono state trascinate dai primi scavatori- un buon numero di ossa umane pertinenti ad un individuo maturosenescente, di almeno 50 anni di età. Una prima analisi permette di associare queste ossa trascinate a ciò che resta di un individuo rinvenuto nell'angolo più interno della bottega, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato al di sopra di un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

 

Ancora da indagare sono le ossa pertinenti a almeno un altro individuo, rinvenute all'interno di un grande dolio, probabilmente risistemate in tale posizione sempre dai primi scavatori.

 

Questi sono solamente i primi dati macroscopici forniti dallo scavo in corso, ma non saranno sicuramente gli ultimi: infatti i reperti prelevati e portati in laboratorio verranno ulteriormente indagati tramite indagini specifiche in dipartimenti e università in convenzione, che permetteranno di affinare sempre più i dati a nostra disposizione e quindi la conoscenza del termopolio e del sito.

 

 

March/Marzo 2019

 

Yet more evidence of daily life emerges at Pompeii, in the form of the discovery of the latest Thermopolium (snack bar), which recently came to light in the excavations of Regio V.

A richly decorated Thermopolium emerged in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

The commercial structure has only been partially excavated, since it lies along one of the excavation fronts subject to the stabilisation and consolidation intervention of the Great Pompeii Project, which is focusing on the over 3km perimeter of the unexcavated area of the site.

 

Ancora una testimonianza della vita quotidiana a Pompei si racconta attraverso la scoperta dell'ultimo Termopolio (tavola calda), recentemente affiorato dagli scavi della Regio V.

Il Termopolio e emerso nello slargo che fa da incrocio tra ii vicolo delle Nozze d'argento e ii vicolo dei Balconi, ormai interamente portato in luce nel cantiere di scavo.

L'impianto commerciale e parzialmente scavato, in quanta collocato lungo uno dei fronti di scavo, oggetto dell'intervento di messa in sicurezza e consolidamento del Grande Progetto Pompei, che sta interessando gli oltre 3km di perimetro dell'area non scavata del sito.

 

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking across the counter and rooms from the front entrance on the square in front of Vicolo delle Nozze d'Argento.
The flooring of the entire room consisted of a layer of cocciopesto (a waterproof covering made of terracotta fragments), into which fragments of polychrome marble (alabaster, portasanta, green breccia and bardiglio) were inserted in several areas.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando dall'altra parte del bancone e le camere dall'ingresso anteriore sulla piazza di fronte a Vicolo delle Nozze d'Argento.
Il piano pavimentale di tutto l'ambiente è costituito da uno strato di cocciopesto (rivestimento impermeabile composto da frammenti in terracotta), in cui in alcuni punti sono stati inseriti frammenti di marmi policromi (alabastro, portasanta, breccia verde e bardiglio).

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking across the counter and rooms from the front entrance on the square in front of Vicolo delle Nozze d'Argento.

The flooring of the entire room consisted of a layer of cocciopesto (a waterproof covering made of terracotta fragments), into which fragments of polychrome marble (alabaster, portasanta, green breccia and bardiglio) were inserted in several areas.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando dall'altra parte del bancone e le camere dall'ingresso anteriore sulla piazza di fronte a Vicolo delle Nozze d'Argento.

Il piano pavimentale di tutto l'ambiente è costituito da uno strato di cocciopesto (rivestimento impermeabile composto da frammenti in terracotta), in cui in alcuni punti sono stati inseriti frammenti di marmi policromi (alabastro, portasanta, breccia verde e bardiglio).

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. The thermopolium has a second entrance in the vicolo dei Balconi. To the left of this entrance is a terracotta plaque with a phallus. Below this is a painted inscription to Caprasium. To the right of the door is a second inscription to Albucium.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. 
Il termopolio ha un secondo ingresso nel vicolo dei Balconi. A sinistra di questo ingresso c'è una placca di terracotta con un fallo. Sotto c'è un'iscrizione dipinta a Caprasium. A destra della porta c'è una seconda iscrizione ad Albucium.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. The thermopolium has a second entrance in the vicolo dei Balconi. To the left of this entrance is a terracotta plaque with a phallus. Below this is a painted inscription to Caprasium. To the right of the door is a second inscription to Albucium.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Il termopolio ha un secondo ingresso nel vicolo dei Balconi. A sinistra di questo ingresso c'è una placca di terracotta con un fallo. Sotto c'è un'iscrizione dipinta a Caprasium. A destra della porta c'è una seconda iscrizione ad Albucium.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking across the counter and rooms from the entrance on vicolo dei Balconi.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando dall'altra parte del bancone e camere dall'ingresso su vicolo dei Balconi.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking across the counter and rooms from the entrance on vicolo dei Balconi.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando dall'altra parte del bancone e camere dall'ingresso su vicolo dei Balconi.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
The decorations on the counter - which were the first to emerge during the excavation – show on the front, longer side, the image of a Nereid riding a horse in a marine setting.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Le decorazioni del bancone - le prime emerse dallo scavo - presentano sul fronte, lato più lungo, l'immagine di una Nereide a cavallo in un ambiente marino.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

The decorations on the counter - which were the first to emerge during the excavation – show on the front, longer side, the image of a Nereid riding a horse in a marine setting.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Le decorazioni del bancone - le prime emerse dallo scavo - presentano sul fronte, lato più lungo, l'immagine di una Nereide a cavallo in un ambiente marino.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
Painting of the beautiful figure of a Nereid holding a lyre, sitting on a marine horse with two dolphins swimming at the side.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Dipinto della bella figura di una Nereide che regge una lira, seduta su un cavallo marino con due delfini che nuotano ai lati.

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019.

The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

Painting of the beautiful figure of a Nereid holding a lyre, sitting on a marine horse with two dolphins swimming at the side.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Dipinto della bella figura di una Nereide che regge una lira, seduta su un cavallo marino con due delfini che nuotano ai lati.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. On the front of the counter is the image of a Nereid on a horse in a marine environment.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Sul fronte, l'immagine di una Nereide a cavallo in ambiente marino.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. On the front of the counter is the image of a Nereid on a horse in a marine environment.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Sul fronte, l'immagine di una Nereide a cavallo in ambiente marino.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

 

V.3 Pompeii. March 2019. The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
On one side, the decorations on the counter depict the beautiful figure of a Nereid on horseback in a marine environment.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, una bella figura di Nereide su cavallo in ambiente marina. 

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019.

The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

On one side, the decorations on the counter depict the beautiful figure of a Nereid on horseback in a marine environment.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, una bella figura di Nereide su cavallo in ambiente marina.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
The shorter side features an illustration which is probably of the shop itself, like a kind of trademark. 
It was not by chance that the discovery during the excavation of amphorae, located in front of the counter, reflected the painted image.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Sul lato più corto e l'illustrazione, probabilmente della bottega stessa alla stregua di un'insegna commerciale. 
Il ritrovamento, al momento dello scavo, di anfore poste davanti al bancone rifletteva non a caso l'immagine dipinta.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

The shorter side features an illustration which is probably of the shop itself, like a kind of trademark.

It was not by chance that the discovery during the excavation of amphorae, located in front of the counter, reflected the painted image.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Sul lato più corto e l'illustrazione, probabilmente della bottega stessa alla stregua di un'insegna commerciale.

Il ritrovamento, al momento dello scavo, di anfore poste davanti al bancone rifletteva non a caso l'immagine dipinta.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
This side of the counter is most probably the illustration of the business conducted in the shop, almost as if it were a shop sign. 
The discovery of amphorae during excavation, which were located in front of the counter, reflected the painted image exactly.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, l'illustrazione, molto probabilmente, dell'attività stessa che si svolgeva nella bottega, quasi come un'insegna commerciale. 
II ritrovamento di anfore paste davanti al bancone, al momento dello scavo, rifletteva difatti esattamente l'immagine dipinta.

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

This side of the counter is most probably the illustration of the business conducted in the shop, almost as if it were a shop-sign.

The discovery of amphorae during excavation, which were located in front of the counter, reflected the painted image exactly.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, l'illustrazione, molto probabilmente, dell'attività stessa che si svolgeva nella bottega, quasi come un'insegna commerciale.

Il ritrovamento di anfore paste davanti al bancone, al momento dello scavo, rifletteva difatti esattamente l'immagine dipinta.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
The discovery of amphorae located in front of the counter at the moment of excavation.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
II ritrovamento di anfore paste davanti al bancone, al momento dello scavo.

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

The discovery of amphorae located in front of the counter, at the moment of excavation.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

II ritrovamento di anfore situate di fronte al bancone, al momento dello scavo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. 
Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
The discovery of amphorae located in front of the counter, a bronze measure/pan and jars on top of the counter.
In the Thermopolium, various pantry and transport materials were discovered, including: nine amphorae, a bronze patera, two flasks and a common ceramic table olla. 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
La scoperta di anfore situate davanti al bancone, una misura / padella in bronzo e vasetti in cima al bancone.
Nel termopolio è stato rinvenuto diverso materiale da dispensa e da trasporto: nove anfore, una patera di bronzo, due fiasche, un'olla di ceramica comune da mensa. 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019.

Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

The discovery of amphorae located in front of the counter, a bronze measure/pan and jars on top of the counter.

In the Thermopolium, various pantry and transport materials were discovered, including: nine amphorae, a bronze patera, two flasks and a common ceramic table olla.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

La scoperta di anfore situate davanti al bancone, una misura / padella in bronzo e vasetti in cima al bancone.

Nel termopolio è stato rinvenuto diverso materiale da dispensa e da trasporto: nove anfore, una patera di bronzo, due fiasche, un'olla di ceramica comune da mensa.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
Amphorae located in front of the painting of a Nereid on the counter, during excavation.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Anfore situate di fronte al dipinto di una Nereide sul bancone, durante gli scavi.

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

Amphorae located in front of the painting of a Nereid on the counter, during excavation.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Anfore situate di fronte al dipinto di una Nereide sul bancone, durante gli scavi.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
Two-sided counter after excavation. Large pieces of coloured stone are inserted into the floor.

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Bancone a due lati dopo lo scavo. Grandi pezzi di pietra colorata sono inseriti nel pavimento.

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019. Thermopolium at the crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

Two-sided counter after excavation. Large pieces of coloured stone are inserted into the floor.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Bancone a due lati dopo lo scavo. Grandi pezzi di pietra colorata sono inseriti nel pavimento.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. March 2019. The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi. 
On one side, the decorations on the counter depict the beautiful figure of a Nereid on horseback in a marine environment.
On the other is most probably the illustration of the business conducted in the shop, almost as if it were a shop sign. 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.
Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, una bella figura di Nereide su cavallo in ambiente marina e dall'altro l'illustrazione, molto probabilmente, dell'attività stessa che si svolgeva nella bottega, quasi come un'insegna commerciale. 

Photograph © of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. March 2019.

The richly decorated Thermopolium in the open space which acts as a crossroads between Vicolo delle Nozze d’Argento and Vicolo dei Balconi.

On one side, the decorations on the counter depict the beautiful figure of a Nereid on horseback in a marine environment.

On the other is most probably the illustration of the business conducted in the shop, almost as if it were a shop-sign.

 

V.3 Pompei. Marzo 2019. Termopolio all'incrocio tra il Vicolo delle Nozze d'Argento e il Vicolo dei Balconi.

Le decorazioni del bancone raffigurano su un lato, una bella figura di Nereide su cavallo in ambiente marina e dall'altro l'illustrazione, molto probabilmente, dell'attività stessa che si svolgeva nella bottega, quasi come un'insegna commerciale.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
The last section of the counter to be unearthed revealed other exquisite scenes of still life, with depictions of animals which were likely butchered and sold here. such as in the case of the two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten; a rooster; and a dog on a lead, the latter serving almost as a warning in the manner of the famed Cave Canem.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Sull'ultimo braccio di bancone portato alla luce sono emerse altre pregevoli scene di nature morte, con rappresentazioni di animali, probabilmente macellati e venduti nel locale, come le due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, un gallo e un cane al guinzaglio, quasi un monito alla maniera del famoso Cave Canem.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

The last section of the counter to be unearthed revealed other exquisite scenes of still life, with depictions of animals which were likely butchered and sold here. such as in the case of the two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten; a rooster; and a dog on a lead, the latter serving almost as a warning in the manner of the famed Cave Canem.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Sull'ultimo braccio di bancone portato alla luce sono emerse altre pregevoli scene di nature morte, con rappresentazioni di animali, probabilmente macellati e venduti nel locale, come le due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, un gallo e un cane al guinzaglio, quasi un monito alla maniera del famoso Cave Canem.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
In this new phase of excavation, the last section of the counter to be unearthed revealed other exquisite scenes of still life, with depictions of animals which were likely butchered and sold here. Bone fragments belonging to the same animals were also discovered inside containers embedded in the counter, which held foodstuffs intended for sale, such as in the case of the two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten and a rooster.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
In questa nuova fase di scavo, sull'ultimo braccio di bancone portato alla luce sono emerse altre pregevoli scene di nature morte, con rappresentazioni di animali, probabilmente macellati e venduti nel locale. Frammenti ossei, pertinenti gli stessi animali, sono stati inoltre rinvenuti all'interno di recipienti ricavati nello spessore del bancone contenenti cibi destinati alla vendita. Come le due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, e un gallo.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

In this new phase of excavation, the last section of the counter to be unearthed revealed other exquisite scenes of still life, with depictions of animals which were likely butchered and sold here. Bone fragments belonging to the same animals were also discovered inside containers embedded in the counter, which held foodstuffs intended for sale, such as in the case of the two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten and a rooster.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

In questa nuova fase di scavo, sull'ultimo braccio di bancone portato alla luce sono emerse altre pregevoli scene di nature morte, con rappresentazioni di animali, probabilmente macellati e venduti nel locale. Frammenti ossei, pertinenti gli stessi animali, sono stati inoltre rinvenuti all'interno di recipienti ricavati nello spessore del bancone contenenti cibi destinati alla vendita. Come le due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, e un gallo.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten. 
Bone fragments belonging to the same animals were also discovered inside containers embedded in the counter.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, e un gallo. 
Frammenti ossei, pertinenti gli stessi animali, sono stati inoltre rinvenuti all'interno di recipienti ricavati nello spessore del bancone. 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Two mallard ducks shown upside down, ready to be cooked and eaten.

Bone fragments belonging to the same animals were also discovered inside containers embedded in the counter.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Due anatre germane esposte a testa in giù, pronte ad essere preparate e consumate, e un gallo.

Frammenti ossei, pertinenti gli stessi animali, sono stati inoltre rinvenuti all'interno di recipienti ricavati nello spessore del bancone.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Painting of a cockerel on side of counter.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Dipinto di un gallo sul lato del bancone.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Painting of a cockerel on side of counter.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Dipinto di un gallo sul lato del bancone.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
A mocking inscription can be found scratched onto the frame which surrounds the painting of the dog: NICIA CINAEDE CACATOR- literally "Nicias (probably a freedman from Greece) Shameless Shitter!" This was probably left by a prankster who sought to poke fun at the owner, or by someone who worked in the Thermopolium.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Una sbeffeggiante iscrizione graffitagraffta "Nicia cineadecacator" si si legge sulla cornice che racchiude il dipinto del cane: Nicia (probabilmente un liberto proveniente dalla Grecia) Cacatore, invertito! Probabilmente lasciata da un buontempone che aveva voluto prendere in giro il proprietario o da qualcuno che lavorava nel termopolio.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

A mocking inscription can be found scratched onto the frame which surrounds the painting of the dog: NICIA CINAEDE CACATOR- literally "Nicias (probably a freedman from Greece) Shameless Shitter!" This was probably left by a prankster who sought to poke fun at the owner, or by someone who worked in the Thermopolium.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Una sbeffeggiante iscrizione graffitagraffta "Nicia cineadecacator" si si legge sulla cornice che racchiude il dipinto del cane: Nicia (probabilmente un liberto proveniente dalla Grecia) Cacatore, invertito! Probabilmente lasciata da un buontempone che aveva voluto prendere in giro il proprietario o da qualcuno che lavorava nel termopolio.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Containers in the counter.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Contenitori nel bancone.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Containers in the counter.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Contenitori nel bancone.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Excavated counter with ten embedded dolia/containers.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Bancone scavato con dieci dolia/contenitori incorporata.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Excavated counter with ten embedded dolia/containers.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Bancone scavato con dieci dolia/contenitori incorporata.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Rear room with bed niche.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Ambiente posteriore con nicchia del letto.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Rear room with bed niche.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Ambiente posteriore con nicchia del letto.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Fully excavated thermopolium.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Termopolio completamente scavato.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Fully excavated thermopolium.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Termopolio completamente scavato.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Dolia embedded in the front part of the counter.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Dolia incorporata nella parte anteriore del bancone.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Dolia embedded in the front part of the counter.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Dolia incorporata nella parte anteriore del bancone.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking towards south-east corner with bed niche.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando verso l'angolo sud-est con nicchia letto.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking towards south-east corner with bed niche.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando verso l'angolo sud-est con nicchia letto.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Bed niche in white plastered wall of rear room.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Nicchia del letto in parete intonacata bianca della stanza posteriore.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Bed niche in white plastered wall of rear room.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Nicchia del letto in parete intonacata bianca della stanza posteriore.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
Inside the room - and particularly behind the counter where they were dragged by the first excavators - a significant number of human bones were found, belonging to a mature-senescent individual, of at least 50 years of age. An initial analysis made it possible to link these dispersed bones with what remained of an individual who was discovered in the innermost corner of the shop, and who, at the time the pyroclastic current arrived, was most likely on top of some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Erano presenti inoltre, all'interno della stanza - e in particolare dietro al bancone dove sono state trascinate dai primi scavatori- un buon numero di ossa umane pertinenti ad un individuo maturosenescente, di almeno 50 anni di età. Una prima analisi permette di associare queste ossa trascinate a ciò che resta di un individuo rinvenuto nell'angolo più interno della bottega, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato al di sopra di un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

Inside the room - and particularly behind the counter where they were dragged by the first excavators - a significant number of human bones were found, belonging to a mature-senescent individual, of at least 50 years of age. An initial analysis made it possible to link these dispersed bones with what remained of an individual who was discovered in the innermost corner of the shop, and who, at the time the pyroclastic current arrived, was most likely on top of some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Erano presenti inoltre, all'interno della stanza - e in particolare dietro al bancone dove sono state trascinate dai primi scavatori- un buon numero di ossa umane pertinenti ad un individuo maturosenescente, di almeno 50 anni di età. Una prima analisi permette di associare queste ossa trascinate a ciò che resta di un individuo rinvenuto nell'angolo più interno della bottega, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato al di sopra di un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking towards the south/rear of the thermopolium with wall decoration and door.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando verso la parte sud/posteriore del termopolio con decorazione murale e porta.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Looking towards the south/rear of the thermopolium with wall decoration and door.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Guardando verso la parte sud/posteriore del termopolio con decorazione murale e porta.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Wall behind the counter decorated with panels bordered in yellow with imitation blockwork above.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Parete dietro il bancone decorata con pannelli delimitati in giallo con imitazione di blocchi sopra.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. South wall behind the counter decorated with panels bordered in yellow with imitation blockwork above.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Parete sud dietro il bancone decorata con pannelli delimitati in giallo con imitazione di blocchi sopra.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Wall behind the counter decorated with panels bordered in yellow with still life in the centre.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Parete dietro il bancone decorata con pannelli delimitati in giallo con natura morta al centro.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Wall behind the counter decorated with panels bordered in yellow with still life in the centre.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Parete dietro il bancone decorata con pannelli delimitati in giallo con natura morta al centro.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
Another observation of note is the discovery of human bones, albeit found sadly dispersed as a result of the tunnels which were dug in the 17th century by illegal excavators, who were searching for precious objects. Several belong to an individual of at least fifty years of age, who at the moment when the pyroclastic current arrived, was most likely on some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Altro dato interessante è il rinvenimento di ossa umane, ritrovate, purtroppo, sconvolte a causa del passaggio di cunicoli realizzati nel XVII secolo da scavatori clandestini in cerca di oggetti preziosi. Alcune sono pertinenti ad un individuo di almeno 50 anni, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato su un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

Another observation of note is the discovery of human bones, albeit found sadly dispersed as a result of the tunnels which were dug in the 17th century by illegal excavators, who were searching for precious objects. Several belong to an individual of at least fifty years of age, who at the moment when the pyroclastic current arrived, was most likely on some kind of bed, as evidenced by the space set aside for storing the bed, and a series of nails and wood residues found under the body.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Altro dato interessante è il rinvenimento di ossa umane, ritrovate, purtroppo, sconvolte a causa del passaggio di cunicoli realizzati nel XVII secolo da scavatori clandestini in cerca di oggetti preziosi. Alcune sono pertinenti ad un individuo di almeno 50 anni, che verosimilmente al momento dell'arrivo della corrente piroclastica era posizionato su un letto o una branda, come testimoniano il vano per l'alloggiamento del giaciglio e una serie di chiodi e residui di legno rinvenuti al di sotto del corpo.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
Other bones, which are yet to be investigated, belong to another individual, and were found inside a large dolium, possibly where they were placed by the first excavators.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.
Altre ossa, ancora da indagare sono di un altro individuo, e sono state rinvenute all'interno di un grande dolio, forse qui riposte sempre dai primi scavatori.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

Other bones, which are yet to be investigated, belong to another individual, and were found inside a large dolium, possibly where they were placed by the first excavators.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Altre ossa, ancora da indagare sono di un altro individuo, e sono state rinvenute all'interno di un grande dolio, forse qui riposte sempre dai primi scavatori.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Second entrance to thermopolium near north-west corner where skeleton of a dog was found. The front entrance is on the left.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Secondo ingresso al termopolio vicino all'angolo nord-ovest dove è stato trovato lo scheletro di un cane. L'ingresso anteriore è sulla sinistra.

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020. Second entrance to thermopolium near north-west corner where skeleton of a dog was found. The front entrance is on the left.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. Secondo ingresso al termopolio vicino all'angolo nord-ovest dove è stato trovato lo scheletro di un cane. L'ingresso anteriore è sulla sinistra.

 

Photo by Luigi Spina courtesy of Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.
Inside the room - and particularly behind the counter where they were dragged by the first excavators - a significant number of human bones were found. The complete skeleton of a dog was found in the corner between the two doors of the Thermopolium (in the north-western corner of the room). It was not a large and muscular dog like the one depicted on the counter, but an extremely small specimen, about 20-25cm high at the shoulder despite being an adult dog. Although quite rare, dogs of such small size indicate that intentional selection took place in the Roman age in order to obtain such a result.

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020. 
Erano presenti inoltre, all'interno della stanza - e in particolare dietro al bancone dove sono state trascinate dai primi scavatori- un buon numero di ossa umane. Nell'angolo tra le due porte (angolo nord occidentale della stanza) del termopolio è stato rinvenuto uno scheletro completo di cane. Non si tratta di un grande cane muscoloso come quello dipinto sul bancone ma di un esemplare estremamente piccolo, alto 20-25 cm alla spalla, pur essendo un cane adulto. Cani di queste piccolissime dimensioni, sebbene piuttosto rari, attestano selezioni intenzionali avvenute in epoca romana per ottenere questo risultato.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii, Thermopolium with painting of nereid. December 2020.

Inside the room - and particularly behind the counter where they were dragged by the first excavators - a significant number of human bones were found. The complete skeleton of a dog was found in the corner between the two doors of the Thermopolium (in the north-western corner of the room). It was not a large and muscular dog like the one depicted on the counter, but an extremely small specimen, about 20-25cm high at the shoulder despite being an adult dog. Although quite rare, dogs of such small size indicate that intentional selection took place in the Roman age in order to obtain such a result.

 

V.3 Pompei, Termopolio con dipinto di nereide e anfore. Dicembre 2020.

Erano presenti inoltre, all'interno della stanza - e in particolare dietro al bancone dove sono state trascinate dai primi scavatori- un buon numero di ossa umane. Nell'angolo tra le due porte (angolo nord occidentale della stanza) del termopolio è stato rinvenuto uno scheletro completo di cane. Non si tratta di un grande cane muscoloso come quello dipinto sul bancone ma di un esemplare estremamente piccolo, alto 20-25 cm alla spalla, pur essendo un cane adulto. Cani di queste piccolissime dimensioni, sebbene piuttosto rari, attestano selezioni intenzionali avvenute in epoca romana per ottenere questo risultato.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 31-Jan-2021 20:43